Blog, consigli e libri per il tuo benessere
Le paure: come affrontarle passo a passo 1
in Psiche ed emozioni

Le paure: come affrontarle passo a passo

paureSpesso nelle situazioni le paure ci bloccano. Quando ci preoccupiamo, pensiamo e ripensiamo a ciò che ci spaventa. Così facendo però, la mente gira attorno al problema senza effettivamente affrontare le paure. Anzi, trova modi per evitarle. Se però cediamo all’impulso di evitare determinate cose, rafforziamo la convinzione interiore che quelle situazioni sono pericolose e che sicuramente non siamo in grado di gestirle. Di fatto, il semplice evitare qualcosa può rendere terrificante quel qualcosa (per un approfondimento, leggi anche La paura).

Se evitiamo determinate situazioni perché ci preoccupiamo del risultato, non riusciremo mai a capire cosa sarebbe successo se le avessimo affrontate. Ci priviamo della possibilità di vedere come avremmo reagito. Quando decidiamo di evitare qualcosa, proviamo un temporaneo sollievo. Tuttavia, ci sentiamo anche impotenti e avviliti, come se non riuscissimo ad avere il controllo del nostro stesso comportamento. Alla fine, ci lasciamo scoraggiare, abbattere, e si instaura un vago senso di paralisi. È in questo modo che l’evitamento pian piano mina nel tempo la fiducia in noi stessi.

 

Identificare le specifiche situazioni dettate dalle paure

Prima di riuscire ad affrontare le paure, dovrete capire con esattezza cosa state evitando. Può essere che si temano oggetti, situazioni o attività di cui molte persone hanno paura. Diffusi esempi di fobia sono le altezze, gli aerei, i serpenti e il dentista. Situazioni e interazioni socialiinterazioni sociali rappresentano un buon ambito in cui andare alla ricerca di comportamenti evitanti. Forse evitate incontri in cui siete costretti a trovarvi tra tante persone o a conoscerne di nuove. Se vi preoccupate molto di ciò che gli altri possono pensare, se spesso avete paura di non piacere o se impiegate le vostre energie per tentare di compiacere gli altri, probabilmente evitate determinate situazioni sociali. Tra gli esempi ovvi troviamo le feste, gli appuntamenti, le cene di gruppo, iniziare una conversazione e prendere l’iniziativa di socializzare con gli altri.

 

  • Quali sono le situazioni che evitate perché vi preoccupano?
  • Evitate di dire no o di fare richieste agli altri perché avete paura di ciò che pensano?
  • Evitate di guardare il telegiornale, di leggere il giornale o di ascoltare la radio perché temete che vi troverete qualcos’altro di cui preoccuparvi?
  • Evitate di guardare certi film perché riportano a galla emozioni profonde?
  • Evitate di guidare quando avete appena sentito la notizia di un incidente?

Mettere le paure in scala

Una volta scoperte alcune specifiche situazioni che evitate o che siete talvolta tentati di evitare, è giunto il momento di classificarle dalla più facile alla più scoraggiante. Da principio quindi inizierete con la situazione più gestibile. Quando riterrete di avercela fatta, passerete alla successiva.

Questo approccio passo a passo è importantissimo. Spesso ci rendiamo conto che, quando cominciamo ad affrontare anche la più semplice delle situazioni evitate, quelle difficili si profilano assai più fattibili. Il motivo è che, con l’aumentare della fiducia in noi stessi, guadagniamo slancio.

 

Affrontare le paure una alla volta

Ora siete pronte ad affrontare le situazioni classificate e a salire la scala di esposizione un gradino per volta. Per fare pratica, sceglierete una sola situazione alla quale esporvi e programmerete con precisione il momento e il modo in cui l’affronterete. Quando sarà ora di vivere la situazione o di svolgere l’attività prescelta, non dimenticate di accogliere tutte le emozioni che nascono dal provare qualcosa di nuovo e pauroso. Non cercate quindi di respingerle con il segreto fine di sentirvi a vostro agio.

1. Scegliete una situazione o un’attività dal primo gradino in basso nella scala.

2. Stabilite con esattezza dove, come e quando tenterete di affrontarla. Questo punto varia a seconda della situazione. Ad esempio, potete decidere di partire da una situazione sociale quale iniziare una conversazione con una particolare persona al lavoro. Altro esempio: se avete paura di guidare, deciderete di prendere una strada diversa e più lunga di quella che percorrete di solito per recarvi al supermercato.

3. Quando è ora, seguite il vostro programma e affrontate direttamente la situazione o l’attività. Subito prima, attscalaribuite all’ansia un valore nella scala da zero a cento.

4. Man mano che vi esponete alla situazione, focalizzatevi meglio che potete su tutto ciò che succede attorno e dentro di voi. Vivete la situazione più a lungo possibile, fino a quando avrete portato a termine quello che vi eravate prefissati di fare o fino a che la situazione non si conclude in maniera naturale. Subito dopo, quantificate nuovamente l’ansia.

5. Riesponetevi nuovamente alla situazione in un secondo momento e continuate a farlo fino a che essa non susciterà in voi solo un’ansia minima, corrispondente a un valore di dieci o meno sulla scala.

6. Se dopo qualche tentativo l’ansia non comincia a ridursi, valutate con cura se per caso non stiate involontariamente ripetendo le vostre convinzioni ansiogene. Cosa vi state dicendo a proposito di questa pratica o della vostra abilità di svolgerla, per sentirvi peggio?
Optate per una variante più facile dell’attività, così da renderla più fattibile. Ad esempio, diciamo che avete progettato di iniziare una conversazione con il titolare al lavoro, ma non ci siete riusciti perché vi siete sentite troppo in soggezione. Prima di affrontare di nuovo questa particolare situazione, provate a iniziare una conversazione con una collega. Ricordate, la riuscita di questi esercizi si ha nel momento in cui raccogliete le forze per svolgerli; il modo in cui la gente reagisce è irrilevante (per approfondire, leggi L’ansia e la mente catastrofica).

7. Una volta padroneggiato il primo gradino della scala di esposizione, spostatevi al secondo e seguite esattamente gli stessi passi.

 

 

 

Redazione

Summary
Le paure: come affrontarle passo a passo
Article Name
Le paure: come affrontarle passo a passo
Description
Affrontare le paure e il meccanismo dell'evitamento. Sconfiggere l'ansia passo a passo, con le esposizioni.
Author
Publisher Name
Edizioni Il Punto d'Incontro
Publisher Logo

Ti potrebbero interessare anche questi:

Cos’è lo stress e come ridurlo

Innamorarsi sempre delle stesse persone: i copioni inconsci

Simboli dei sogni: LE PARTI DEL CORPO

Come si manifesta la depressione

Gli autosabotatori

Che “emisfero” siamo?

Messaggio alle donne: siete voi il tesoro che state cercando

IL CANTO ARMONICO di ROBERTO LANERI

Attenti ai manipolatori!

Il segreto delle guarigioni eccezionali

Saper riconoscere le proprie emozioni

Control freak: le personalità controllanti

L’intestino ci rende felici: perché una flora batterica sana fa bene anche all’umore

La mente subconscia e il potere del cambiamento

Le nostre convinzioni possono guarirci?

Un autosabotatore: il silenzio

I pensieri ci fanno ammalare?

Imparare a dire no

Viaggi nel tempo: realtà o illusione?

Slow life: apprezzare il cammino, oltre che la meta

Avere successo in amore: elogio della vulnerabilità

Come combattere la depressione stagionale

La mente è il corpo

La paura

Metti un freno alla velocità

I sogni ricorrenti: cosa sono e il loro significato

Le principali piante medicinali per attacchi di panico

Trasforma otto emozioni letali in emozioni sane – recensione su La mente mente

Quando ci mettiamo in gabbia da soli…

L’ansia e la mente catastrofica

Simboli dei sogni: GLI ANIMALI

La schiena e i suoi significati psicosomatici

Concentrarsi sul presente: una vera e propria terapia di Mindfulness

Scopri chi sei con gli archetipi della tua personalità

Canto armonico, intervista e video di Roberto Laneri

Esercizio di respirazione per armonizzare gli emisferi cerebrali

Il Toxoplasma, parassita che influenza il comportamento di uomini e topi

Non solo corpo: i mudra per comunicare con efficacia

La dipendenza affettiva: quando l’amore fa soffrire

Il lutto: perdita ed elaborazione

Mindfulness per super mamme in cinque minuti

Il senso di colpa

I pensieri guidano i tuoi stati d’animo? “Mettili in riga” con la mindfulness!

Come esprimere la collera in maniera costruttiva

Riconoscere la violenza psicologica

Dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Detox per la mente con la pratica del “tramonto digitale”

L’arte della fusione con l’altro

Amore e dipendenza affettiva

Perché incontro sempre l’uomo sbagliato?

Simboli dei sogni: LA VITA E LA MORTE

La forza delle emozioni

Ecco perché ingrassiamo quando siamo stressati

I fantasmi di un amore passato

Intervista a Nirodh Fortini

Esercizio di meditazione per superare un lutto

L’interpretazione dei sogni

Amicizie tossiche: la persona criticante e maldicente

Insonnia e meditazione

In ordine di nascita: il primogenito

Divieto di scarico!

Esercizio di sofrologia: dalla contrazione alla decontrazione

Stress? Impara a coccolarti e ritrova la tua serenità mentale

San Patrizio: il trifoglio, il verde, il folletto e l’arcobaleno

Esercizio pratico di felinità: sorridi!

L’adolescenza, un’identità in rivoluzione

I sogni ci comunicano informazioni preziose

Mindfulness in famiglia: meno crisi e più serenità!

Anche l’occhio vuole la sua parte

Liberarsi dalle ripetizioni familiari negative

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

Il significato psicosomatico delle malattie

Come funziona l’intuizione

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.