Ancora uno... e poi basta Ingrandisci

Ancora uno... e poi basta

Cosa si cela dietro il bisogno costante di cibo e come superarlo

Voti e valutazione clienti

Nessun cliente ha lasciato una valutazione
in questa lingua

Libro

ISBN 9788880939535
Pagine 352 pp.
Tipologia Brossura
Formato 14 x 21

13,52 €

15,90 €

-15%

Maggiori dettagli

Novità

Opzione disponibile

Se soffri di fame compulsiva, se ogni volta che ti senti teso vai verso la cucina, se lo stress si calma solo riempiendo lo stomaco, questo è il libro che fa per te. Imparerai come interpretare e risolvere le spinte verso la cioccolata, gli snack, i carboidrati, il formaggio, il gelato e molti altri alimenti. Ogni brama di cibo è legata a una particolare necessità emozionale, come la mancanza di amore o di sicurezza economica, i sensi di colpa o il senso di abbandono.

Dietro a ogni appetito si nasconde un messaggio che va decodificato per disinnescare spinte che possono essere estremamente dannose per la salute. Una volta compreso il meccanismo nascosto dietro ogni particolare brama e mettendo in pratica istruzioni specifiche, sarai in grado di controllare i tuoi eccessi alimentari emotivi.

Inoltre, una serie di test ti aiuterà a valutare la tua situazione e a determinare un efficace piano d’azione per affrontare i problemi senza rivolgerti al cibo. Dettagliate informazioni scientifiche sulle influenze che ogni alimento esercita sul tuo umore e sulla tua energia ti aiuteranno a capire come i tuoi appetiti siano lo specchio delle tue emozioni.

 

  • Di quale tipo emozionale fai parte?
  • La personalità influenza il tuo peso
  • Il cibo determina i tuoi cambiamenti di umore
  • Puoi guarire la fame compulsiva alla radice
  • Fame d’amore: cioccolato & co
  • Cibi antidepressivi, cibi che tranquillizzano, cibi eccitanti
  • Il fattore proteico
  • Il richiamo del frigorifero
Fame emotiva

A volte ci lanciamo a capofitto su un particolare alimento – di solito molto grasso o ricco di zuccheri – convinti di obbedire a uno stimolo fisico, quello della fame. In realtà, una volta soddisfatto questo “stimolo”, ci rendiamo conto di aver obbedito non tanto allo stomaco quanto a qualcos’altro. Abbiamo “sfamato” un’emozione.

Continua a leggere...