Donne dell'altro mondo Ingrandisci

Donne dell'altro mondo

12 donne celebri si raccontano intorno al soprannaturale

Voti e valutazione clienti

Nessun cliente ha lasciato una valutazione
in questa lingua

Libro

ISBN 9788880935612
Pagine 192 pp.
Tipologia Brossura
Formato 14 x 21

5,16 €

12,90 €

-60%

Maggiori dettagli

Novità

Opzione disponibile

Quante volte ci siamo posti domande esistenziali riguardanti la sfera dell’ultraterreno, dell’inconoscibile, senza riuscire a trovare un barlume di risposta che potesse fare almeno un po’ di luce…

Stefano Mastrosimone pone alcune di queste domande a dodici sorprendenti protagoniste della scena italiana e internazionale: Milva, Alda Merini, Rosalinda Celentano, Amanda Lear, Valentina Cortese, Fiona May, Natalia Aspesi, Luciana Littizzetto, Piera Degli Esposti, Adriana Faranda, Franca Valeri e Silvana Giacobini.

Dodici donne famose che per la prima volta rivelano il loro personale rapporto con il trascendente, col soprannaturale, con i mondi ultrasensibili: percezioni, sogni premonitori, presenze incorporee e, ancora, la fede, l’idea di una vita dopo la morte, l’idea di anima. Con assoluta sincerità queste dodici celebrità ci portano lentamente e magicamente nel loro mondo interiore, accettando con coraggio di raccontare emozioni, sensazioni, paure, certezze, malinconie, speranze…

Un libro che in questo tempo mediatico, fatto di apparenza e di approssimazione, vuole anche essere un omaggio allo stile, alla classe, ma soprattutto al Talento, all’indiscusso Talento di queste donne, che si sono affermate nel panorama teatrale, musicale, sportivo e culturale italiano ed estero grazie alle loro capacità e alla loro creatività.



"Ci sono pagine in questo libro che scorrono con leggerezza, sebbene spesso la conversazione tra l’autore e le sue intervistate si soffermi su problemi personali e delicati. Alla fine il risultato che scaturisce da questo narrare è un affresco di tante storie particolari, di racconti di vita, dove fatti, situazioni, memorie compongono un mosaico suggestivo e pieno di umanità”.
                                                                                                 
  Walter Veltroni