Euroballe Ingrandisci

Euroballe

La favola che non si può uscire dall’euro e come farlo prima di affondare.

Libro

9,27 €

10,90 €

-15%

Maggiori dettagli

Novità

Opzione disponibile

Voti e valutazione clienti

Votare/scrivere un commento
(5/5)
1 voto(i) - 1 recensione cliente

Vedere le distribuzione
ISBN 9788868200558
Pagine 288 pp.
Tipologia Brossura
Formato 12 x 17

Nonostante la devastante situazione economica e sociale che la moneta unica ha generato, uno stuolo di economisti convenzionali (usciti dalle università sovvenzionate e controllate dall’élite finanziaria che ci ha trascinati nella situazione attuale) si affanna a proporre soluzioni per modificare e/o aggiustare l’euro, in sintesi per salvarlo da se stesso.

Svelando il reale percorso storico che ha portato alla nascita della moneta unica europea (di cui le popolazioni sono state tenute all’oscuro) e distruggendo i luoghi comuni con cui l’euro ci è stato “venduto” (integrazione culturale, sociale, politica ed economica), Andrea Bizzocchi mostra che in realtà una soluzione al problema dell’euro esiste ed è praticabile da subito: decretarne la fine e tornare alla moneta nazionale per far risorgere una democrazia degna di questo nome e dare un futuro all’Italia, che di risorse, nonostante vogliano farci credere il contrario, ne ha ancora tante (e fanno gola a molti...).

 

  • Il piano per la distruzione dell’Italia (quando, come e perché)
  • Globalizzazione: che cos’è davvero?
  • Uccidere la democrazia
  • La vendita dell’Italia alla finanza internazionale
  • Debiti pubblici e debiti privati
  • Uscire dall’euro: “Non si può, è illegale” e altre fandonie
  • Dall’euro alla nuova lira
  • Contanti e moneta elettronica
  • L’emissione del denaro (chi e come tiene le redini)
  • Inflazione e svalutazione
  • Perché paghiamo le tasse
  • La moneta senza debito e senza interessi
  • Prove di democrazia diretta
  • Il ruolo dell’Istruzione
  • Il “Britannia party”
  • Chi controlla il mondo: club segreti, fondazioni, think tank e molto altro

 

 

 

 

Il debito pubblico, gli interessi, le bugie e Matteo Renzi

Diciamo subito le cose come stanno. Il problema del debito pubblico italiano non deriva da un eccesso di spesa, sprechi e ruberie assortite, bensì unicamente dagli interessi che lo Stato italiano paga per finanziarsi.

Continua a leggere...
Da (Vicenza, Italy) il 07 Giu. 2014 (Euroballe) :
(5/5

La mia recensione

Concordo in pieno con l'autore,come trappola globale ben orchestrata e messa in atto già da tempo,sono parole che fungono da deterrente ma solo per chi non ha capito la situazione sofferta che stiamo vivendo.Questa è la vera informazione!!!

 Segnalare un abuso