Figli del grande spirito Ingrandisci

Figli del grande spirito

La visione degli Indiani d'America

Voti e valutazione clienti

Nessun cliente ha lasciato una valutazione
in questa lingua

Libro

ISBN 9788880930785
Pagine 160 pp.
Tipologia Brossura
Formato 17 x 22

11,01 €

12,95 €

-15%

Maggiori dettagli

Novità

Opzione disponibile

Gli antichi abitanti dell'America del Nord possedevano una concezione spirituale strettamente legata al mondo della natura e ai cicli della vita. Tuttavia la loro spiritualità, ricca di immagini allegoriche e di metafore, non appena divenuta di grande interesse generale ha subito una trasformazione che ne ha convertito gli elementi costitutivi in cliché e stereotipi. Ne è un esempio la generalizzazione del concetto di "indiano", all'interno del quale si raggruppano indistintamente varie tipologie e varie comunità culturali.

Figli del grande spirito si propone di far luce su questi e altri aspetti della cultura nativa americana. Il libro è costituito da una raccolta costata due anni di lavoro, dove sono stati selezionati quei testi originali che meglio potevano aiutare a comprendere il pensiero del popolo pellerossa. Tale pensiero è costellato da molteplici aspetti culturali e spirituali, alcuni dei quali ormai scomparsi o poco diffusi perché proibiti dalle autorità governative del paese. La raccolta è arricchita dalle numerose e incisive fotografie d'epoca di Edward S. Curtis, che evocano le atmosfere suggestive dell'accampamento e della prateria.

Figli del grande spirito è un incontro con una cultura straordinaria, dove le calde parole degli anziani, dei saggi e dei grandi capi fanno rivivere lo spirito di una saggezza che non conosce le barriere del tempo.

 

"A modo loro, gli Indiani concepiscono il mondo fisico e la terra come un'entità spirituale. Per il non indiano può essere solo di grande vantaggio scoprire questa visione del mondo." 

- N. Scott Momaday, vincitore del Premio Pulitzer 1969 con Casa fatta di alba

Canto della Notte dei Navajo

Il “canto della notte” Navajo, con la sua cosmogonia, affascina a causa degli elementi simbolici e dei pregi artistici presenti nei suoi versi. Scopo della preghiera è la creazione rinnovata del concetto di salute, armonia e bellezza. Il termine Navajo “Hózhó”, di solito tradotto letteralmente come “bellezza”, significa molto di più: benedizione, realizzazione …

Continua a leggere...