Le sette penne dell'aquila Ingrandisci

Le sette penne dell'aquila

La vita straordinaria di uno sciamano alla scoperta di sé.

Voti e valutazione clienti

Nessun cliente ha lasciato una valutazione
in questa lingua

Libro

ISBN 9788880936145
Pagine 320 pp.
Tipologia Brossura
Formato 14 x 21

11,82 €

13,90 €

-15%

Maggiori dettagli

Novità

Opzione disponibile

Luis Ansa, il protagonista del libro, non è un personaggio da romanzo, ma un uomo reale, nonché un potente sciamano. Semplicemente preferisce l'anonimato e ha scelto di parlare attraverso la scrittura di un autore del calibro di Henri Gougaud.

La sua storia parte da lontano, dall'infanzia in Argentina, fino ad arrivare agli eventi che l'hanno condotto in Francia, dove vive ancora oggi. Lasciò molto presto la casa del padre, a Cordoba, ai piedi della Sierra Grande, subito dopo la morte della madre, un'indiana quechua, l'unico essere che avesse mai amato. Luis non riusciva ad accettare il fatto che lei fosse morta lontano da lui, in una terribile notte di tempesta: preferì pensare che fosse fuggita dalla città per raggiungere il suo popolo sulle montagne. Partì quindi alla sua ricerca, accompagnato dall'incessante tristezza dei bambini abbandonati.

Un giorno, quello che lui definisce "il-caso-che-non-esiste" volle che incontrasse El Chura, il guardiano delle rovine di Tiahuanaco. El Chura era uno stregone. Uno sciamano. Lo istruì e poi lo spinse a partire alla ricerca delle pietre viventi e delle sette penne dell'aquila, i sette segreti della vita. L'errare di Luis fu lungo, strano, tormentato. Altri maestri lo accolsero e lo guidarono, don Benito, il vecchio Chipès, padre Sebastiàn, anche alcune donne. Un itinerario dove ogni incontro, ogni avvenimento, anche il più triviale, divenne un passo verso "quello che fa sì che la vita non trascorra invano".

 

"Ho scritto quello che mi ha confidato della sua avventurosa esistenza e del suo apprendistato. Alla fine mi ha detto: 'Adesso che il vento si porti via le nostre parole, come porta via ogni cosa, polline, polvere, foglie morte. Se non sono che polvere, allora che tornino alla polvere. Se sono vive, che nutrano la vita'. Ed è scoppiato in una sonora risata".

- Henri Gougaud