Nessuno nasce, nessuno muore Ingrandisci

Nessuno nasce, nessuno muore

Insegnamenti di Nisargadatta Maharaj

Voti e valutazione clienti

Nessun cliente ha lasciato una valutazione
in questa lingua

Libro

ISBN 9788880939351
Pagine 240 pp.
Tipologia Brossura
Formato 14 x 21
Pubblicazione maggio 1992

10,97 €

12,90 €

-15%

Disponibile

Maggiori dettagli

Novità

Opzione disponibile

Guadagni 10 punti fedeltà

Nisargadatta Maharaj è stato uno dei più grandi saggi indiani del secolo scorso, e il suo insegnamento, radicato nella tradizione dell’Advaita Vedanta, il non dualismo, è forse una delle espressioni più alte dell’esperienza diretta dell’Assoluto.

Ramesh Balsekar, uno dei suoi discepoli, raccoglie e sviluppa per argomenti gli insegnamenti tratti dai suoi dialoghi, restituendoci una saggezza al di là dello spazio e del tempo, ancora in grado di affascinare e istruire il lettore, come accadeva per i visitatori che si stringevano nella piccola casa di Nisargadatta, a Mumbai, per ascoltarlo, alla ricerca della Realtà Ultima.

 

Maharaj: Che cos’è che realmente vuoi? Cos’è esattamente che stai cercando?
Visitatore: Che cosa esattamente voglio? Bene, voglio raggiungere la realtà. Questo è ciò che voglio.
M: (ridendo) Se tu potessi soltanto realizzare quanto è divertente… Chi è questo “io” che vuole raggiungere la realtà? È questo complesso-corpo… che vuole raggiungere la realtà?... E che cosa intendi esattamente con “realtà”?
V: Messa in questo modo sembra divertente, o forse dovrei dire tragica.
M: Chi sta ascoltando queste parole, divertenti o tragiche che siano?
V: Me. Io, colui che è seduto qui...
M: I rispettivi sensi, con l’aiuto del Prana, la forza vitale, compiono l’effettivo lavoro. Ma non c’è qualcosa - chiamiamolo senso di presenza - senza il quale nessuno dei tuoi sensi sarebbe in grado di conoscere nulla?
V: Sì. Se io non fossi conscio, i miei sensi non funzionerebbero.
M: Comprendi, allora, che tu sei questa presenza conscia sino a che c’è il corpo. Una volta che il tuo corpo se ne è andato, insieme con il respiro vitale, anche la coscienza se ne andrà. Soltanto quello che era prima dell’apparizione di questo corpo-con-coscienza, l’Assoluto, il sempre presente, è la tua vera identità. Questo è ciò che realmente siamo. Quella è la realtà. È qui e ora. Dov’è la questione di qualcuno che la raggiunga?

 

“Due meravigliose raccolte sono apparse presso Il Punto d' Incontro di Vicenza: Prima della coscienza, a cura di Jean Dunn, e Nessuno nasce, nessuno muore, a cura di Ramesh Balsekar. Nisargadatta sposta senza esitazione e subito nel cuore della filosofia advaita, compie ogni volta il miracolo di trasferire in un’aria purissima, che pochi sanno respirare”.

- Elémire Zolla

 

Commento apparso su Il Corriere della Sera