Close
Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

Il perfezionismo: dal desiderio di far bene all’ossessione

“La perfezione non è di questo mondo”, si usa dire. E allora, esiste? Il perfezionismo viene descritto come “un’eccessiva ricerca della perfezione in ogni cosa”. Il desiderio di non trovare alcun difetto è però di per sé un’astrazione. Il meccanismo diventa ossessivo ed è seguito da critiche rivolte a se stessi e/o agli altri allorché l’ideale non viene raggiunto.

Essere un perfezionista”, comunque, può anche essere una grande dote, quello che ci permette di dare il meglio di noi stessi e di far fruttare al meglio le nostre capacità. Ecco due brevi elenchi per distinguere il perfezionismo sano da quello malsano…

Il perfezionista sano dice: “Voglio il meglio di bene”

  • Sa prendere decisioni importanti e punta a livelli elevati ma precisi.
  • Competente e molto coscienzioso, lavora con metodo, attenzione e prudenza, senza mai lesinare tempo e sforzi.
  • Dato che mira a un risultato visto come massimo, può correre dei rischi. Per questo ha occhio per i dettagli, dedica molto tempo alla ricerca, accumula informazioni e analizza in maniera sistematica le situazioni.
  • Sa mostrarsi creativo, ma è consapevole dei limiti (i suoi e quelli degli altri) e accetta l’idea di “insuccesso”.
  • Cercando di fare meglio, riesce a trarre soddisfazione dai risultati conseguiti, perché il suo realismo gli permette di capire che “la perfezione non è di questo mondo”.
  • È in grado di imparare e di apprezzare gli sforzi compiuti, le capacità, i punti di forza. Così facendo, acquisisce poco a poco fiducia, sicurezza e autostima.
  • Poiché dà valore alla qualità, è apprezzato per il suo rifiuto della mediocrità o per il suo livello di esigenza, il quale riflette attenzione e precisione.

Il perfezionista patologico dice: “Voglio il meglio del meglio”

  • Giacché vuole raggiungere la vetta a ogni costo e rifiuta qualunque posto che non sia il primo, si odia se non primeggia e vive nell’ansia, nella paura, nella mancanza di gioia e di controllo. Stabilisce e persegue obiettivi e ideali rigidi, non realistici o impossibili da raggiungere, con i quali si raffronta e nei quali si identifica.
  • Evita le nuove esperienze: troppi rischi dovuti a un eccessivo numero di possibilità d’errore.
  • Ricerca l’approvazione, vuole piacere, gradisce che ci si interessi a lui; tuttavia, agendo in modalità “tutto o niente”, drammatizza le conseguenze di qualunque errore e vive nella critica o nell’autocritica costante ed eccessiva.
  • Eterno insoddisfatto anche se fa qualcosa di eccellente, reagisce con notevole scetticismo o collera ai complimenti (e non sa farne).
  • Poiché vede gli altri come aggressori, è particolarmente sulla difensiva nei confronti delle critiche.
  • Il suo universo dev’essere senza difetti, pertanto fa un uso eccessivo della parola “dovere”; vuole sempre il meglio ed esige dagli altri lo stesso assoluto impegno. Questo lo rende spesso odioso, perché il suo atteggiamento negativo gli fa vedere solo i difetti, ciò che non va.

Letture per saperne di più:

 

 

 

1 comment

  1. Mi piace, davvero.
    Ben fatto, begli esempi, molto “caldo”.
    Da coach capita spesso di lavorarci sopra, con risultati sempre molto positivi.

    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Close