Trasformare i no in sì! Ingrandisci

Trasformare i no in sì!

L'arte della negoziazione per ottenere il meglio nei rapporti personali e di lavoro.

Libro

9,27 €

10,90 €

-15%

Maggiori dettagli

Novità

Opzione disponibile

Voti e valutazione clienti

Votare/scrivere un commento
Nessun cliente ha lasciato una valutazione
in questa lingua

ISBN 9788880939511
Pagine 144 pp.
Tipologia Brossura
Formato 14 x 21

Saper negoziare può aprire molte porte nella vita e permetterci di ottenere molto di ciò a cui aspiriamo. Negoziare è qualcosa che facciamo tutti i giorni: in famiglia, nella società, al lavoro; non sempre però nel modo giusto. 

Trasformare i no in sì insegna a imprimere la piega migliore agli scambi verbali e a creare l'atmosfera più propizia per conseguire quanto ci siamo prefissati, ottenendo sempre il meglio da ogni conversazione. Ma attenzione: negoziare non vuol dire sopraffare! La negoziazione è infatti un'arte semplice ma importantissima che poggia su due pilastri: assertività e rispetto

Ci sono persone che riescono a negoziare a loro vantaggio, strappando numerosi "sì" e senza apparenti sforzi. Qual è il loro segreto? Come possiamo far valere il nostro punto di vista? Come negoziare un aumento di stipendio? Come avere ben chiari i nostri obiettivi e comunicarli? Gilbert Morency ci aiuta ad analizzare le nostre interazioni quotidiane per scoprire in che modo possiamo renderle più proficue e vantaggiose per tutti; potremo così portare a buon fine le trattative riuscendo sempre ad avere successo nel pieno rispetto dell'interlocutore.

 

Negoziare con gli altri: tutti i significati della parola NO

Esiste ogni tipo di motivo e di modo per dire no a una richiesta o a una proposta. Queste risposte negative possono però quasi sempre essere convertite in risposte positive. Come? Con la negoziazione. Tuttavia, prima di reagire a un no è preferibile capire meglio cosa significa di preciso …

Continua a leggere...
 
no alle critiche negative

Avete commesso un errore? Avete fallito alla grande? Non rimproveratevi, non cadete nella rete dell’autocritica. Chiaramente, avrete la tentazione di prendervela un po’ con voi stessi. Almeno in alcune occasioni vi direte: “Che stupido, avrei potuto fare meglio!”. Sì, forse avreste potuto fare meglio, ma in primo luogo non è con i rimproveri che riuscirete ad andare avanti.

Continua a leggere...