Al momento i nostri uffici sono chiusi. Potete scriverci un'email o contattarci in orario lavorativo, dal lunedì al venerdì. Grazie e buona lettura

L'essenza della Ribhu Gita

Il libro della conoscenza suprema

12,90 €
12,26 € Risparmia 5%
Tempi di consegna: 24-48 ore
Quantity:
Disponibile per l'ordine

Con questo prodotto guadagni 12 punto punti. Potrai convertire i tuoi 12 punti in buono di: 1,32 €.

Pagamenti sicuri al 100%
  Pagamenti sicuri

PayPal, Stripe, Bonifico, Carte del Docente o Contrassegno

  Spedizioni GRATUITE

Fino al 25 febbraio

  Resi e Assistenza 0444239189

Chat via Whattsapp, assistenza email e telefonica

Tra i vari testi dell’immortale tradizione preservata in India, ce ne sono due che spiccano su tutti gli altri per la loro profondità e audacia: lo Yoga Vasishta e la Ribhu Gita. Essi infatti affermano che è possibile, anzi certo, che la liberazione venga conseguita semplicemente immergendosi nel loro studio. Mentre lo Yoga Vasishta afferma che persino chi non ha le qualificazioni per la comprensione del testo le svilupperà studiandolo e gradualmente sarà portato alla liberazione, la Ribhu Gita afferma di poterla produrre istantaneamente in chi è qualificato. Che formidabili assicurazioni! Chi riempie la propria esistenza con uno di questi testi è senza dubbio un essere fortunato poiché è destinato a realizzare la Meta della vita.

Esistono basilarmente due versioni della Ribhu Gita, entrambe in due antiche lingue, una in sanscrito e una in tamil. La Ribhu Gita è considerata l’essenza di una scrittura più vasta, lo Shiva Rahasya, di cui forma il sesto capitolo; proprio come lo Yoga Vasishta è considerato l’essenza del Ramayana o la Bhagavad Gita del Mahabharata.

La versione tamil, pur seguendo la forma del sanscrito originale, appare in una metrica di otto versi e con l’intenzione di rendere più chiaro il contenuto. Inoltre, alla fine di ogni capitolo tende a riassumere in un verso il significato del capitolo stesso lodando Shiva nella forma di Nataraja, Shiva che esegue la danza cosmica.

Di Bhikshu Shastri, il grande e ispirato traduttore e compositore che ha prodotto la versione tamil nel 1880, si narra un interessante episodio. Profondamente colpito dal puro insegnamento advaita della Ribhu Gita, vi si attenne così strettamente da negare la realtà di ogni fenomeno, considerandolo un’allucinazione o un miraggio, inclusi gli Dei. Gli Dei, a questo, lo misero alla prova, facendogli perdere la vista, che recuperò soltanto quando scrisse i versi finali di ogni capitolo in lode di Nataraja, la Forma del Senza forma!

Poiché nel corso del tempo il linguaggio cambia e la metrica sanscrita e tamil richiedono molte ripetizioni, pur auspicando che questi testi vengano preservati integralmente, nell’originale, per il bene di tutti gli esseri di ogni creazione, questa opera è un condensato delle due versioni, di cui trae l’essenza, senza tralasciare nulla, pur omettendo alcune ripetizioni che nella lingua italiana attuale potrebbero rendere il testo meno efficace. L’unico scopo è stato quello di facilitare il sentiero ai fortunati cercatori. In fondo, è ben detto nella Ribhu Gita stessa che un suo solo verso è sufficiente per raggiungere la liberazione...

Libro

Scheda tecnica

Pagine
216 pp.
Formato
14 x 21
Tipologia
Brossura
ISBN
978-88-8093-823-1
Pubblicazione
01/04/2016

Riferimenti Specifici

Voto 

10/10/2017

Bellissimo, profondo..

Forse il più bel libro di spiritualità che abbia mai letto. Tolgo anche il forse. Ti accompagna direttamente alla Verità... Tutto quello che in altri testi viene solo sfiorato o accennato, qui viene descritto perfettamente. Consigliatissimo!

Sergio Peterlini

Sergio Peterlini

Sergio Peterlini insegna meditazione da oltre quarantacinque anni in Europa e in India a decine di migliaia di persone. Le scuole e i college in cui lui ha introdotto la meditazione hanno registrato significativi miglioramenti nei risultatiti scolastici degli studenti.

Ha compiuto molti viaggi in India, dove ha incontrato di persona i principali maestri spirituali, ricevendone benedizioni e insegnamenti.

Profondo conoscitore ed esperto dell’antica saggezza indiana, ha tradotto in italiano e curato alcuni tra i più importanti testi tradizionali, quali Yoga Vasistha, Bhagavad Gita, Ribhu Gita, Sri Tripura Rahasya, Srimad Bhagavatam, Ganapati Upanishad, Sri Ganesha Stotram, I 36 stratagemmi e Autobiografia di uno Yogi.

In qualità di fondatore della casa editrice Edizioni Il Punto d’Incontro di Vicenza, ha promosso la pubblicazione in Italia delle opere di alcuni tra i più importanti esponenti della saggezza indiana, che ha personalmente incontrato, quali Nisargadatta Maharaj, Madre Krishnabai, Anandamayi Ma, Mata Amritanandamayi, Sathya Sai Baba, Swami Rama, Krishnamurti, Irina Tweedie, Annamalai Swami e Ram Dass.

Ha inoltre curato la pubblicazione di opere su Sri Aurobindo, Sai Baba di Shirdi, Mère, Gurdjieff, e di Thich Nhat Hanh, Ramana Maharshi, Pema Chödrön, Mooji e Stylianos Atteshlis.

La peculiarità delle traduzioni curate da Sergio Peterlini è che sono sempre immediatamente comprensibili e scorrevoli, lasciando il lettore libero di focalizzarsi sul significato profondo del testo.