Contattaci!

La corsa dolce

Correre più sciolti, respirare bene, vivere meglio

12,00 €
11,40 € Risparmia 5%
Tempi di consegna: 24-48 ore
Quantity:
Disponibile per l'ordine

Con questo prodotto guadagni 11 punto punti. Potrai convertire i tuoi 11 punti in buono di: 1,21 €.

Camminare o correre è un'intrinseca necessità dell'uomo. Non siamo fatti per stare sempre seduti, come invece richiede la moderna civiltà. Se la necessità di muoverci viene repressa accade che, come per ogni altra costrizione, da qualche parte si verificano conseguenze negative fisiche e mentali, ad esempio cattivo umore o depressione.

La corsa dolce si basa sulle conoscenze che lo scienziato M. Feldenkrais ha ricavato dalla gestualità dell'uomo. La si potrebbe definire una corsa "pigra", perché priva di sofferenze autoinflitte. La corsa dolce viene eseguita con tutto il corpo e tutte le articolazioni, pertanto è perfetta per chi desidera mantenersi in forma senza sottoporsi a sforzi estenuanti, magari dopo una giornata di lavoro!

Una tecnica adatta a tutti, secondo le proprie capacità e necessità: uomini, donne, giovani, anziani, persone magre o grasse. Non si tratta di abbattere di record, bensì di ritrovare se stessi, le proprie esigenze e il proprio benessere.

Libro

Scheda tecnica

Pagine
144 pp.
Formato
17 x 22
Tipologia
Brossura
ISBN
9788880933021
Pubblicazione
01/04/2003

Riferimenti Specifici

Wim Luijpers e Rudolf Nagiller

Wim Luijpers e Rudolf Nagiller

Guru della corsa e allenatore, Willem "Wim" Luijpers ha conseguito i diplomi dell'American Feldenkrais Guilde e dell'Institute for Human Movement. In Nuova Zelanda, la terra dove è cresciuto, ha studiato alla scuola di Arthur Lydiard, il padre del moderno movimento della corsa di massa, il cosiddetto jogging.

Studioso di economia, giornalista di esperienza decennale e stimato intervistatore, Rudolf "Rudi" Nagiller ha recentemente rivestito l'incarico di direttore generale dell'informazione alla ORF, la principale rete austriaca. Si è avvicinato alla corsa relativamente tardi. Corre regolarmente da cinque anni per più di un'ora, quattro o cinque volte la settimana.