Al momento i nostri uffici sono chiusi. Potete scriverci un'email o contattarci in orario lavorativo, dal lunedì al venerdì. Grazie e buona lettura

La benedizione è dove sei

Gli ultimi discorsi a Bombay nel 1985 

9,90 €
9,41 € Risparmia 5%
Tempi di consegna: 24-48 ore
Quantity:
Disponibile per l'ordine

Con questo prodotto guadagni 9 punto punti. Potrai convertire i tuoi 9 punti in buono di: 0,99 €.

I discorsi di questa raccolta sono particolarmente importanti per le insolite idee e sfumature che Krishnamurti ci offre sui temi che affronta. Per esempio, nel secondo discorso solleva varie questioni sull’insicurezza, la frammentazione, l’identificazione e la paura, ma insiste sull’importanza di ascoltare semplicemente le domande e di non fare assolutamente niente a riguardo. 

“Ciò che conta è porre la domanda... Lasciate che sia la domanda stessa a rispondere”.

Nell’essenza e nel tono dell’ultimo discorso c’è invece una grande intensità emotiva. Qui Krishnamurti ci sollecita a comprendere che se non ci liberiamo delle nostre ferite, dei nostri conflitti, delle nostre paure e delle nostre sofferenze, se restiamo nel piccolo mondo delle nostre competenze, stiamo sprecando la vita. La libertà, dice, è “il primo passo”. Il discorso si conclude con un commento intensamente spirituale, scaturito dalla sua profonda osservazione:

“Se vi date con il cuore, la mente e il cervello, c’è qualcosa che va al di là di tutti i tempi: la benedizione. Ma non nei templi, nelle chiese o nelle moschee. Quella benedizione è lì dove siete”.

“Uno dei più grandi pensatori del nostro tempo”.

– Il Dalai Lama

“Era come ascoltare un discorso del Buddha, la stessa forza, la stessa autorevolezza intrinseca”.

– Aldous Huxley

Libro

Scheda tecnica

Pagine
128 pp.
Formato
14 x 21
Tipologia
Brossura
ISBN
978-88-6820-781-6
Pubblicazione

Riferimenti Specifici

Jiddu Krishnamurti

Jiddu Krishnamurti

Nato in India nel 1895, Jiddu Krishnamurti è stato un noto maestro spirituale che ha ispirato milioni di persone con i suoi insegnamenti. Interessato all'umanità intera, Krishnamurti ha sempre dichiarato di non appartenere ad alcuna nazionalità, ad alcun credo o cultura particolare. Non si è mai schierato con nessuna scuola di pensiero, preferendo concentrarsi sulla condizione di essere umano nella sua globalità.